Login
Giugno 28 2017 09:01:05
Login
Utente

Password



Non ricordi più la password?
Richiedine una nuova qui.

Videomaivisti.it

Promuovi anche tu la tua Pagina






Utenti Online
· Ospiti Online: 1

· Iscritti Online: 0

· Totale iscritti: 77
· Il nuovo iscritto: natan

L'IMPORTANZA DEI SIMBOLI NELLA COMUNICAZIONE E LORO DERIVAZIONE - PARTE 2
LO SCUDO DELLA CHEVRON

A destra nella foto, da sinistra a destra: Logo aziendale della Chevron; dettaglio del sigillo statunitense; Sigillo americano. In basso, da sinistra a destra: Scudo Castilla y León; scudo in cima alla facciata meridionale della Reid Hall al Manhattanville College di Purchase, a NY; antico scudo romano.
Lo scudo è un arma personale, destinata a bloccare un attacco, o arrestare i proiettili come frecce o smorzare un colpo. Gli scudi vennero usati fin dalla preistoria, rendendo anch’essi parte dell’inconscio collettivo. Le forme degli scudi variano, naturalmente, a seconda del tempo e del luogo, il design dello scudo può essere quadrato circolare, ondulato. Spesso gli scudi venivano colorati con un pattern determinato o con immagini di animali che si svilupparono poi negli emblemi araldici.
Come icona simbolica, lo scudo è un simbolo positivo, che ha come caratteristiche la protezione spirituale e la forza d’animo.

“Il significato simbolico dello scudo equivale ad una semplice trasposizione della sua funzione difensiva al piano spirituale.” - Juan Eduardo Cirlot, A Dictionary of Symbols

La teoria che sta dietro la protezione spirituale è semplice: la negatività in forma spirituale può essere altrettanto dannosa di quella in forma materiale. La paura, la rabbia, la depressione, le persone/luoghi, gli argomenti negativi, tutti questi possono aggrapparsi a noi causandoci, nel tempo, problemi. La pulizia spirituale riduce i danni che l’energia negativa ha sulle nostre vite.

Un tipo di scudo pertinente qui è il sigillo, considerando anche il fatto che somiglia al logo della Chevron visto sopra. Il sigillo è un particolare tipo di scudo perché è unico per ogni famiglia, molte di esse lo tramandarono per diverse generazioni, impregnando lo stemma familiare, di caratteristiche distintive in aggiunta al suo uso puramente difensivo .

Lo scudo non viene utilizzato quasi più ai giorni nostri, ma per migliaia di anni rappresentò difesa e protezione per gli esseri umani di tutto il mondo. Per questo ha un significato molto importante nel nostro inconscio collettivo.

IL DISCO SOLARE

A sinistra , da sinistra a destra: Il logo aziendale della Gulf; Horus con disco solare; bandiera giapponese; In basso, da sinistra a destra: Horus con disco solare; ancora Horus con il disco solare.
Il simbolismo solare (noto anche come “culto del sole”) può essere trovato nel corso della storia e della preistoria. Il disco solare in particolare è un simbolo molto antico, usato in riverenza e commemorazione dalle antiche culture in tutto il mondo, in particolare da quella egiziana.

Il simbolismo del sole è abbastanza ovvio: il sole dà calore e luce, entrambi necessari alla vita. Come risultato di questa straordinaria forza vivificante, le divinità solari vennero spesso considerate potenti e forti, addirittura supreme (Ra in Egitto, per esempio).

Il sole è raffigurato come un cerchio (cioè, il cerchio perfetto), che, senza inizio nè fine, è da sempre significato di eternità, dell’anima immortale. Questo garantisce alle divinità solari come Ra un’immediatezza che gli dei giudaici non hanno, come ad esempio il senso che il dio sole sia dentro di noi. Il sole viene rappresentato anche come una ruota o un carro, metafore per anima e per la sua incarnazione o manifestazione nel mondo, ecco degli esempi:

- Trundholm carro solare della divinità nordica, Sol, disegnato da Arvak e Alsvid
- Il dio greco Helios in un carro a cavallo (anche Phaeton)
- Il Sol Invictus raffigurato in sella ad una quadriga sul rovescio di una moneta romana
- Il Surya vedico guida un carro trainato da sette cavalli

Nell’antica simbologia egizia, il sole veniva raffigurato come il simbolo di “Aten”, le sue ali significano l’ascensione, o l’elevazione spirituale dell’anima, lo scopo della vita umana. I suoi serpenti gemelli raffigurati così perfettamente simmetrici stanno a significare la dualità in perfetto equilibrio, necessaria per raggiungere l’ascensione spirituale:
Nell’antica religione egizia, il disco solare divenne un simbolo primario di Ra, il sole. Il disco solare venne scolpito sulle porte di molte tombe egizie e templi, e appare su molti papiri. E’ spesso accompagnato da ali.
La torre di 44 piani del Gulf, nel centro di Pittsburgh, Pennsylvania, (l’ex sede sociale della Gulf Oil Company) ha la forma di una piramide egizia! La torre fu la sede di una delle principali società petrolifere multinazionali del suo tempo ed ebbe come simbolo il sole egiziano.

Il simbolismo è molto evidente nel logo della Gulf, per gli scettici o i non sono convinti, tuttavia, basta guardare la torre qui sopra, nel centro di Pittsburgh. La parte superiore è una “piramide a gradoni”, come lo erano i templi egizi, una connessione che porta il logo della Gulf dal regno della coincidenza al regno della probabilità.

Le connotazioni del sole rappresentano un principio estremamente positivo che rimane saldo nella coscienza collettiva e molti artisti, autori e compositori hanno “aggiunto” la bellezza e il calore del sole alle loro opere. Il pittore olandese Vincent van Gogh creò paesaggi che espremevano la sua gioia con un sole splendente. La poetessa americana Emily Dickinson scrisse una poesia intitolata “The Sun”, in cui descrisse il sorgere e il tramontare del sole. Il compositore russo Nicholas Rimskij-Korsakov incluse una bellissima canzone “Inno al Sole”, nella sua opera Il Gallo d’Oro.

Sapendo tutto questo, la Gulf Oil utilizzò il simbolo del sole nel suo logo, perché l’uomo è attratto dal suo potere, da millenni.

PEGASO

A destra nella foto,da sinistra a destra: Il logo aziendale della Mobil Oil , Pegaso, Pegaso volante, bronzo greco, 300-268 aC, lastra di bronzo raffigurante pegaso (“Pegaz” in persiano), scavata a Masjed Soleyman, nel Khuzestan, in Iran. In basso, da sinistra a destra: Bellerofonte e Chimera, soffitto di un attico, ca. 425-420 aC, pegaso in argento nell’arte greca 480-450 aC; antica moneta greca di Corinto 360 aC.
Il Pegaso è una delle creature mitologiche più famose. E’ un cavallo alato divino, di colore bianco e simboleggiò la velocità, la potenza e il trasporto rapido sin dalla preistoria. Inoltre, Pegaso simboleggia l’immortalità dell’anima, essendo colui che trasporta e protegge lo spirito in viaggio verso il piano astrale.

Pegaso è strettamente legato a varie divinità greche, come Poseidone / Nettuno (emozione); Athena / Minerva (la sapienza celeste); Zeus / Giove (orientamento e creatività).

Dal Medioevo fino al Rinascimento, il Pegaso era un simbolo di saggezza e soprattutto di fama. Nel 19 ° secolo, divenne un simbolo di poesia e una musa da cui trarre ispirazione poetica.

Il simbolo del Pegaso in sè è giù una combinazione unica tra il cavallo e le ali: il cavallo per ogni mitologia e religione del mondo è un potente simbolo. Per molti potrà rappresentare la forza, la virilità… le ali, d’altra parte, rappresentano la preghiera, la contemplazione, l’anima e la capacità di trascendere il peso degli oneri terreni.

Il cavallo alato di Pegaso simboleggia quindi le vette del potere naturale di ogni uomo, un’innata capacità di spiritualizzazione e di convertire il male in bene.

A destra: il logo della TriStar Pictures. A destra: Il pegaso di Reader Digest.
Per riassumere, risulta evidente come le grandi compagnie petrolifere abbiano usato simboli antichi, potenti e iconici per i loro loghi. Tutti lo hanno fatto per la stessa ragione: queste aziende hanno sempre saputo che sarebbe stato più facile attirare il pubblico utilizzando simboli già pronti, potenti e positivi, piuttosto che partire da zero.

La Conchiglia (Shell), il Rombo/Diamante (Sunoco), la Fiaccola (Amoco), lo Scudo (Chevron), il Sole ( Gulf) e il Pegaso (Mobil) sono tutti simboli antichi che noi, come razza antica, riconosciamo, non a livello cosciente , ma che possiamo ritrovare nel nostro “inconscio collettivo”.

Nella seconda parte analizzeremo il logo della Texaco, che è un altro logo aziendale modellato su un altro antico emblema, il pentagramma (noto anche come “pentacolo”.)

Fonte: Stampa libera
Condividi l'articolo
Pubblica su:
URL:
BBcode:
HTML:

Commenti
Non sono stati scritti commenti
Scrivi commento
Per favore loggati per poter scrivere un commento
Voti
L'assegnazione di un voto è possibile solo se si è utenti registrati.

Per favore loggati o registrati.

Nessun voto pervenuto